lunedì 23 ottobre 2017

digiunando 7 giorni con te stesso




7 giorni di digiuno a solo acqua e due tisane....esperienza fatta!

 A giugno mi chiamano e mi propongono questo ritiro in un  resort fuori Mantova per fine luglio inizio agosto.

Inizialmente ho pensato di organizzare e coinvolgere più persone, poi alla fine ho deciso di partire da sola con l'organizzatore, Eugenio Pelosi, esperto di lunghi digiuni. Lì si sono aggiunti altri conoscenti e amici suoi.

Non voglio fare un racconto lungo e noioso dei 7 giorni che sono stati invece ricchi e pieni di sorprese. Per me non è stato difficile smettere di mangiare, i tre gg fatti in precedenza e il mio appetito, alquanto scarso, mi hanno aiutata. Ho avuto problemi invece reintegrare l'alimentazione. Il cuore sotto stress fisico ed emotivo, durante il digiuno ho avuto notizie brutte e pesanti (meglio lasciare cellullare a casa), una volta ripresa la alimentazione ha fatto sentire subito il suo sovracarico di lavoro, sono aumentate notevolmente le frequenze dei battiti cardiaci con le sue conseguenze; agitazione, malessere e preocupazione. Disturbi che sono durati  per quasi tre giorni dopo aver smesso di digiunare. Altri disturbi non ne ho avuti. Benefici tanti, ma questo ve lo racconto dopo. Ho conosciuto persone alla seconda esperienza, prima di 10 gg, senza nessuna conseguenza, ogni uno con il suo fisico e mente.

Mi piacerebbe soltanto dare due dritte a chi interessato a questo tipo di esperienza per evitare il FAI DA TE!

Chi può fare un digiuno assai lungo?
- persone in salute,  disturbi ammessi se non si è sotto farmacoterapie forti
- molto motivati e forti mentalmente (un partecipante è scappato  dopo la prima note di sogni a pasta e frutti di mare lasciandoci un biglietto "mi manca la mia famiglia")
- persone che possano ritagliare qualche giorno della loro vita quotidiana senza dover lavorare e vivere continuamente al telefono ed in rete durante il digiuno
- persone senza problemi cardiovascolari, attenersi ai consigli medici a questo proposito

Modalità
- alla prima esperienza assolutamente essere accompagnati da persone esperte che sapranno monitorare la pressione sanguinea e dare sopporto psicologico a bisogno
- valutare in base al peso corporeo il periodo di digiuno, persone molto magre o magre non più di tre giorni, si perde un media 500 grammi al giorno di peso nella prima settimana. Per una prima esperienza non più di tre giorni direi.
- andare via dalla propria abitazione, quasi impossibile digiunare a casa propria, si deve stare tranquillo in ambiente piacevole e senza il frigo pieno! La tentazione può vincere!
- scegliere bene la stagione, meglio la primavera, caldo tiepido. Io l'ho fatto ad agosto sotto un caldo cocente ed non è stato per nulla facile.
- ammesse piccole passeggiate, bagni in piscina,  lettura e tanto sonno. Nulla di sport o attività fisiche e mentali pesanti.
- bere almeno due litri di acqua al giorno, ammesse anche le tisane senza zucchero.
- ascoltarsi continuamente, al primo segnale di forte debolezza, carica emotiva negativa e battiti del cuore fuori normalità sospendere reintegrando all'inizio con succhi freschi di frutta, miele, tisane. Poi insalata con tanto olio e niente altro per due giorni.



Attenzione; riabituare il corpo a mangiare può essere più pericoloso che smettere se non si seguono le indicazioni giuste in questi casi.
Sono contenta di averla fatta questa esperienza che mi ha portato multipli benefici; mente più forte, più fiducia nel suo potere direi. Piccoli disturbi spariti, sono affetta dal morbo di Hashimoto e durante il digiuno ho preso regolarmente la mia dosi di ormoni. Sono sparite le vampate, i bruciori di stomaco o reflusso che ogni tanto avevo, migliorata la vista e la circolazione sanguinea.  La funzionalità intestinale molto buona dopo il digiuno. Umore e forza ottime, mente equilibrata e positiva. 
Durante questi 7 giorni mi sono conosciuta meglio e ho preso nota dei miei limiti fisici e mentali, presa di coscienza a 360 gradi direi.
Ho praticato yoga quando le mie forze me lo permettevano, meditazione e canti dei mantra di continuo nei momenti di debolezza. La concentrazione sul proprio corpo in questo periodo aiutava a incrementare l'energia e poter andare anche al cinema...perchè vi assicuro che ci sono momenti che diventa un impresa camminare a lungo. Le giornate hanno ritmi energetici diversi tra loro, la seconda e la terza sono le peggio dal punto di vista del calo energetico, poi si riprende una certa attività se si rispetta il proprio bisogno di riposo.
La gestione delle emotività che fioriscono durante il digiuno può essere impegnativa se non si è abituati a sentirsi e vivere di continuo con le proprie emozioni. Le persone che sono sempre prese dalla quotidianità potrebbero trovarsi a disaggio nel silenzio delle proprie emozioni. Molto utile anche questo passaggio, che il digiuno porta in superficie, per chi ha voglia di crescere spiritualmente. La purificazione del corpo apre la mente ed i sensi.

Consultandomi con un medico, dopo questa esperienza, mi ha consigliata di ripetere due volte all'anno soltanto tre giorni di digiuno alla volta e, fare un giorno di digiuno tutte le settimane. Raccomandazione che dava anche Dott. Veronesi. Riconosco il potere rigenerante di questa pratica s'è fatto evitando il rischio della propria salute fisica e mentale.